Take Away Project

0
Take Away Project

Mauro Bravi - contrabbasso

Roberto Arzuffi - corde etniche, voce

 

Il progetto Take Away nasce dall’incontro di due musicisti di area milanese, che dopo fruttuose collaborazioni professionali hanno dato vita a un duo nel quale si sintetizzano le loro esperienze musicali in campo classico e pop. Il progetto si presenta quindi sin dall’inizio come la contaminazione, l’incontro e l’incrocio tra diverse sonorità, esperienze, tradizioni musicali, rilette in chiave popular: la grande tradizione musicale occidentale anzitutto, rappresentata dal contrabbasso, e in particolare dal contrabbasso inteso come strumento solista, in una chiave di utilizzo quindi abbastanza inconsueta; e poi una serie di strumenti a corda da tutto il mondo, la presenza dei quali testimonia l’interesse per le culture musicali altre, assorbite in modo a volte ironico ma sempre appassionato, in una sorta di take-away musicale, appunto.
Questi elementi si ritrovano ovviamente anche nel loro album A wonderful world: una rilettura della musica occidentale, colta e popolare, con il filtro di una visione ironica ma appassionata, nella quale si realizza un distillato di sonorità etniche e classiche. Il progetto si presta dunque
a differenti chiavi di lettura, da quella più immediata, legata all’approccio ironico e divertito dei due musicisti, a quella più intellettuale, nella quale si fa strada l’idea di una sorta di globalizzazione al contrario, dove sono le sonorità del mondo a contaminare la musica occidentale.


Mauro Bravi si è diplomato in contrabbasso a pieni voti presso il conservatorio “G.Verdi” di Milano sotto la guida del M° E. Pederzani e ha frequentato il corso di Post-Diploma con il M° P. Murelli.Dal 1996 svolge una intensa attività orchestrale sia all’estero che in Italia che lo ha portato a suonare nei principali teatri d’Europa e del Mediterraneo. Tra le orchestre con le quali ha collaborato si possono citare: l’orchestra “Das Treffen-Bayreut”, Orchestre des Jenunes de la Mediterranee, Junge Osterreische Philarmonie, Tyrolean Festspiele Erl, Pomeriggi Musicali di Milano, Orchestra Milano Classica, Orchestra Sinfonica di Sanremo, Accademia della Scala di Milano, Orchestra Haydn di Bolzano, O.F.I. di Piacenza, Filarmonica del Conservatorio di Milano, Orchestra Fondazione Cantelli di Milano, nella quale ha svolto il ruolo di concertino per il 2003 e tutto il 2004.All’attività concertistica affianca dal ’95 quella di docente presso l’Albero Musicale di Saronno (Va), il Liceo musicale Vincenzo Bellini di Tradate (VA) e la scuola civica di Garbagnate Milanese (Mi) di cui è anche Direttore.

Roberto Arzuffi, attivo professionalmente in campo musicale dal 1989, è autore di musiche di scena e per video (tra i clienti: Comune di Milano, Regione Lombardia, Museo Comboni di Limone sul Garda, Fondazione Cariplo); è arrangiatore e produttore (tra le molte esperienze e i molti clienti: Prefisso - Festival di Sanremo 1994 e 1995, Sony music, Fonit Cetra, Giovanni Nuti, Comune di Bresso, Nigrizia Multimedia, Rugginenti editore, Fondazione Oratori Milanesi, In Dialogo editore, Ufficio Liturgico Diocesi di Milano).Suona chitarra e strumenti etnici in diverse formazioni (concerti in Italia, Inghilterra, Spagna, Francia, Belgio). Ha una lunga esperienza didattica - Scuola Maria Ausiliatrice di Cusano Milanino (MI), Civici Corsi di Musica di Garbagnate Milanese; Istituzione Civiche Scuole di Bresso, presso la quale è anche stato Coordinatore dei corsi di musica moderna. E' inoltre direttore di coro; ha esperienze di giornalismo (Città Nostra, Quaderni Bianchi, Letture, Nigrizia). E' il fondatore e titolare di Pachamama.